Tributo a Khaled el Asaad di Palmira

Print Friendly, PDF & Email

Il Centro Studi Civitanovesi del dr Alvise Manni e l’Archeo Club di Civitanova Marche (c’è anche la mia collaborazione) stanno organizzando una conferenza sulle bellezze archeologiche della Siria e di Palmira, in memoria di Khaled el Asaad, l’archeologo capo di Palmira, ucciso dai tagliagole dell’Isil (Daesh in arabo) martedì 18 agosto 2015.

Personalità centrale dell’evento sarà l’archeologa Christiane Delplace dell’Università Parigi X, che l’ha conosciuto e apprezzato personalmente durante gli scavi a Palmira dal 2001 al 2008.  Era questa una prospera città denominata anche la “sposa del deserto”, fondata, secondo la leggenda, da Salomone re d’Israele; fertile oasi posta lungo la via carovaniera tra l’Eufrate e il mar  Mediterraneo.

Nato a Tadmur (il nome arabo di Palmira) nel 1934, Khaled è stato per quaranta anni il direttore degli scavi di Palmira, epigrafista, traduttore e autore di varie opere scientifiche: conosceva ogni pietra e ogni colonna. A riposo dal 2003, continuò a occuparsene come esperto collaboratore del Dipartimento dei musei e delle antichità; accoglieva cortesemente gli studiosi da tutto il mondo. La Delplace ricorda che era un gentiluomo, orgoglioso della storia di Palmira. Mentre incombeva la minaccia dei miliziani, anziché fuggire, si è preoccupato di trasferire molte statue in un luogo sicuro. Ha scelto di restare e, il 21 maggio 2015, all’arrivo dei banditi con la bandiera nera, ha posto l’autorevolezza della sua persona a garanzia e in difesa dell’amato sito archeologico. In buona fede, ha pensato, purtroppo erroneamente, che quei banditi non osassero oltraggiare quei resti, Patrimonio dell’Umanità dal 1980.

Gli oscurantisti si sono accaniti anche contro la sua biblioteca, gettando fuori tutti i libri. La moglie e i figli sono riusciti a salvarsi dopo un pericoloso viaggio. Per salvare il figlio, suo successore (anche lui catturato e torturato, ma poi liberato), si è assunta tutta la responsabilità del salvataggio delle statue. Khaled è stato sequestrato e torchiato per un mese affinché rivelasse dove aveva nascosto i reperti, e alla fine ucciso. Per non fare da altra cassa di risonanza alle indicibili e feroci azioni di quei fanatici criminali, preferisco non soffermarmi sull’atroce sorte riservata al compianto Khaled.

La Delplace ritiene che quei vandali cercassero l’oro di Palmira, (solo una credenza), pertanto si sono sfogati con i responsabili dei monumenti. Hanno fatto saltare il tempio più piccolo di Baal shamin, già restaurato dagli svizzeri. Ma tra Siria e Iraq, sui media, risultano danneggiati e saccheggiati da quei pirati molti altri siti archeologici e musei, e diversi archeologi e funzionari perseguitati. Per propaganda mediatica, motivi ideologici e, (pseudo) religiosi, distruggono sistematicamente le tracce delle civiltà preislamiche, ritenendole età dell’idolatria.

Dietro a questo sacco di beni archeologici c’è un mercato illegale, i cui profitti finanziano il califfato. I reperti più piccoli e commerciabili, trafugati dai musei, seguono la stessa via, per poi ricomparire da rigattieri e antiquari di Londra, New York, Zurigo e in estremo Oriente, o direttamente nelle ville di persone facoltose e senza scrupoli.

La prof. ssa Christiane Delplace è un’archeologa francese, di origine belga, del CNRS (Centre National de la Recherche Scientifique) francese. Per vari decenni ha scavato nei siti archeologici di diverse epoche intorno al bacino del Mediterraneo e in Europa. Ne ricordiamo alcuni: Francia, Belgio, Thorikos (Grecia), Apamea, Cyrrhus, Bosra e Palmira in Siria, Alba Fucens, Herdoniae e Urbs Salvia in Italia.  A Urbisaglia incontrò i due appassionati di storia locale Betto Salvucci e l’ex sindaco Francesco Recchi, che la accompagnarono, e in seguito il maceratese Umberto Migliorelli. Nell’estate del 1976 la Delplace vi scoprì il braccio meridionale del criptoportico monumentale attorno l’area del tempio alla dea Salus Augusta Salviensis, con le sculture e le pitture.

La professoressa Delplace vive a Parigi; da oltre un trentennio trascorre un periodo di vacanza a Civitanova Marche, dove ha delle care amicizie.

Il 15 maggio 2015 la stessa ha tenuto, presso la sala consiliare del Comune di Civitanova Marche, la conferenza: “La grande archeologia. Palmira in Siria. I suoi siti e i più recenti ritrovamenti” che ha avuto un grande successo di pubblico. La settimana successiva l’Isil annunciò al mondo di aver strappato la zona di Palmira alle truppe siriane.

La morte di questo archeologo ottuagenario, che ha dedicato la vita al recupero e alla tutela di quello stupendo sito archeologico risalente al II millennio avanti Cristo, ha indignato tantissime persone del mondo della cultura occidentale, archeologi, e semplici appassionati. Numerose sono le iniziative per ricordarlo.

Presso il museo nazionale archeologico di Mantova, dal 23 marzo al 5 giugno, si tiene la mostra “Salvare la memoria” dedicata idealmente a Khaled el Asaad e a chi nel mondo ha contribuito al recupero, alla salvaguardia del patrimonio artistico e archeologico da conflitti, da eventi catastrofici naturali, compresi salvataggi come lo spostamento del tempio di Abu Simbel. Si parlerà anche dell’opera di recupero di beni culturali svolta in Iraq dai nostri Carabinieri del Comando Tutela Patrimonio Culturale, autentici paladini del patrimonio culturale italiano ed estero. La fondazione dell’allora “Carabinieri Tutela Patrimonio Artistico” avvenne precisamente il 3 maggio 1969, quindi ben 45 anni prima del film “The Monuments Men” (2014), che ha reso famosa quella “dicitura” anglosassone, oramai ripresa da tanti.

È del 27 marzo 2016 la notizia Ansa che le truppe governative siriane sono rientrate in possesso di Palmira; è da auspicare un efficiente restauro per far sì che il sito possa essere di nuovo visitabile.

L’illustre relatrice parlerà soprattutto dei siti di età romana, come Apamea, Bosra, Dura Europos e Palmira.  La conferenza “Quant’era bella la Siria! Omaggio a Khaled al-As’ad di Palmira” della professoressa Delplace, si terrà sabato pomeriggio 28 maggio intorno alle ore 17.00 presso la sala consiliare del Municipio di Civitanova Marche (MC).

Le foto sono di Adriana Malpiedi

Eno Santecchia

Aprile 2016

Locandina finale conferenza su Palmira_100

P1040494_071

 

Tags: , , ,