La raccolta Porta a Porta a Caldarola

Print Friendly, PDF & Email

Dal 16 luglio 2012 anche il centro di Macerata si cimenta in questa raccolta, a Caldarola è iniziata il 15 marzo 2010 e ha già conseguito risultati apprezzabili.
Nel dicembre 2011 Caldarola era al 17° posto nella Regione Marche e 15° della Provincia di Macerata; a luglio 2012 la percentuale è stata del 76,03 %. Il Comune di Caldarola recupera annualmente 536 tonnellate di materiali quali materiali metallici, alluminio, plastiche, carta e cartone, vetro, legno, pneumatici, elettrodomestici, ingombranti e umido.
Con piccoli accorgimenti quotidiani ogni cittadino può contribuire a migliorare queste percentuali ed essere più rispettoso dell’ambiente in cui vive.
Bisogna comprendere che non è sostenibile evitare la raccolta porta a porta, senza non si raggiungerebbero le percentuali di recupero richieste. Infatti, il D. Lgs. 152/2006 stabilisce l’obbligo di raggiungere nel 2012 il 65 % di raccolta differenziata, le sanzioni saranno applicate ai comuni inadempienti già a livello regionale con l’incremento del tributo in discarica.
Gli errori più comuni che possono sfasare le percentuali di qualche punto sono: conferire il tetrapak (di latte, succhi di frutta e vino) nel blu, invece che nella carta, conferire le bottiglie di plastica nel vetro, la carta sporca di cibo e di sughi e i fazzoletti vanno nell’umido, non nel giallo. Dal maggio 2012 piatti e bicchieri usa e getta di plastica (senza residui) possono essere conferiti nel sacchetto blu.
Non lasciare elettrodomestici, apparecchi elettronici (RAEE), pneumatici, batterie di auto, mobili e ingombranti vicino alle ceste in campagna e in periferia. Questi materiali vanno conferiti gratuitamente il martedì pomeriggio e il sabato mattina al Centro di Raccolta di Camporotondo di Fiastrone. Usare gli appositi raccoglitori per le pile e i farmaci scaduti. Gli indumenti in buono stato vanno messi nei cassonetti gialli Humana e non nel sacchetto giallo.
All’interno del Cosmari c’è un nastro trasportatore con 5-6 operatori che eseguono un’ulteriore separazione manuale di alcuni materiali conferiti, per differenziare in maniera più accurata. Meno materiali saranno conferiti con il sacchetto giallo R.S.U. (indifferenziato) e più alta sarà la percentuale del recupero.
In caso di dubbi consultare il manualetto, chiamare il numero verde gratuito 800 640323 oppure visitate il sito www.raccoltaportaaporta.it
I comuni più virtuosi della Provincia di Macerata a luglio 2012 sono stati: Montecassiano (82,64 %), Pollenza (81,63 %) ed Esanatoglia (80,50 %). Caldarola deve recuperare 6,61 punti percentuali di gap (divario) dal Comune primo in classifica. Nel recupero la Provincia di Macerata è la migliore delle Marche, grazie al Cosmari che si colloca al 9°-10° posto a livello nazionale.
Essendo Caldarola una meta turistica, andrebbero sensibilizzati i visitatori ad adeguarsi agli standard di raccolta locali. L’Amministrazione Comunale potrebbe organizzare un nuovo incontro con i cittadini, invitando personale del Cosmari per illustrare gli ultimi risultati in materia.
Non date credito alla leggenda metropolitana: “Inutile separare, tanto poi al Cosmari mescolano tutto”, chiedete appuntamento per una visita per costatare che ciò non accade assolutamente.
Settembre 2012

13122011482