Una lodevole iniziativa

Print Friendly, PDF & Email

Due giovani marchigiani, Claudia di Filottrano e Lorenzo di Chiaravalle stanno portando avanti con successo un’iniziativa tanto lodevole quanto semplice.
In quasi tre anni sono riusciti a coinvolgere un certo numero di simpatizzanti nelle Marche e in Italia, guadagnandosi la stima delle associazioni ambientaliste quali Legambiente, WWF e altre minori.
Il loro gruppo, composto da una ventina di attivisti e presente sul web a www.thecleaners.it e su Facebook, raccoglie, seleziona e differenzia con attenzione i rifiuti trovati in giro, depositandoli nei corretti cassonetti.
Differenziare è un’ottima abitudine quotidiana di molti di noi, ma parecchie persone non solo se ne infischiano, addirittura abbandonano rifiuti ovunque; due esempi clamorosi sono la superstrada SS 77 Civitanova Marche – Sfercia e il fiume Chienti (come tante altre strade e corsi d’acqua).
Il loro semplice gesto, cerca di porre – in parte – rimedio agli sconsiderati che non si sono mai degnati di leggere le tabelle di degradazione dei rifiuti, abbandonati oramai per ogni dove: in città, nelle cunette e scarpate di strade, nei fossi, lungo le sponde di fiumi e persino sulla spiaggia. Gli autori non temono le sanzioni sempre più pesanti nel caso si venisse colti in flagranza da un organo di Polizia.
Ascoltiamo dalla viva voce dei due giovani degni di ammirazione.
Quando e com’è nata l’idea?
“È nata in maniera spontanea, quando giravamo a piedi per le strade. Precisamente abbiamo concretizzato l’idea un’estate di tre anni fa, quando eravamo in Grecia e percorrendo le strade che salgono dalle spiagge, ci fermavamo per raccogliere i rifiuti abbandonati sul ciglio della strada”.
Come l’avete messa in pratica?
“In modo semplicissimo: chinandoci a terra e raccogliendo quello che adocchiamo, per poi portare i risultati della raccolta alla prima campana della differenziata che troviamo”.
Di cosa vi occupate?
“Raccogliamo e mettiamo a differenziare oggetti di qualsiasi tipo: dalle normali bottiglie di plastica e vetro, alle lattine, ad elementi più insoliti, come batterie, cellulari, telecomandi, o anche scarpe”.
Come siete riusciti a coinvolgere altre persone?
“Tramite conoscenze dirette, inizialmente, parlando della nostra “iniziativa” agli amici più stretti e successivamente con il passaparola e l’utilizzo della nostra pagina Facebook, che ci ha dato molta visibilità, abbiamo stretto amicizia con più di 2.000 persone, molte delle quali agiscono esattamente come noi e che quindi condividono il nostro grande amore per l’ambiente”.
Chi sono gli attivisti del vostro Gruppo?
“Persone di tutta Italia, di tutte le età, con conoscenze, passioni, hobby diversi ma con una passione in comune: un ambiente più pulito senza rifiuti”.
Non rimane che fare ai fondatori e a tutti i gli attivisti il nostro plauso e i migliori complimenti. Per chi volesse contattarli l’indirizzo di posta elettronica è: info@thecleaners.it
Aprile 2012

AMBIENTE1