Pozzi e cucine solari per l’Africa

Print Friendly, PDF & Email

Il maggio 2012 compirà quattro anni l’associazione “Amici Per” di Tolentino, ONLUS nata su iniziativa di Massimiliano Cervigni, che aggregò una decina di persone.
Al Cervigni, appassionato ciclista, venne l’idea dopo una manifestazione di 1.001 miglia a staffetta, alla quale partecipava il MAGIS (Movimento ed Azione dei Gesuiti Italiani per lo Sviluppo) che presentava il progetto di raccolta di biciclette da portare in Burkina Faso (Africa centro-occidentale). Pensò bene di coinvolgere un gruppo di persone che volessero dedicarsi al volontariato per aiutare il prossimo bisognoso. Benché a Tolentino ne esistessero altre, è stata creata una nuova associazione perché i fondatori e gli attivisti volevano intraprendere nuove iniziative. Amici Per è stata riconosciuta dalla Regione e collabora con altre associazioni e singoli, secondo le iniziative da intraprendere.
Il primo progetto fu raccogliere vecchi cellulari da cedere a un’industria specializzata per l’estrazione di minerali preziosi. Da una tonnellata di cellulari si ricavano 300 grammi d’oro, più argento, palladio, rame, colombio e tantalio. Il ricavato è servito ad acquistare delle cucine solari: uno specchio concavo concentra i raggi solari al centro, dove c’è un alloggiamento per una pentola, che porta ad ebollizione 18 litri in soli 20 minuti. Questo metodo consente di evitare il taglio di cespugli e arbusti, altrimenti necessari per il fuoco.
Nel 2009 con la raccolta di 9.000 euro fu realizzato il primo pozzo in Burkina Faso. In seguito raccolte di vecchi cellulari, uno spettacolo musicale, un concerto al palasport hanno contribuito allo scavo di altri sei pozzi. Ognuno di essi serve dalle 500 alle 1.500 persone al giorno, riducendo del 50 % la mortalità infantile, consentendo un maggior benessere agli adulti e agli animali domestici (mucche, capre e polli). Il MAGIS fa provvedere alla trivellazione e all’installazione della pompa meccanica manuale, assicurando l’efficienza dell’impianto con personale in grado d’intervenire per la manutenzione e le riparazioni.
Il quarto pozzo è stato realizzato nella zona di Lebda, a nord est della capitale Ouagadougou, nella provincia di Kaya. I pozzi utilizzano un sistema olandese di pompaggio a più stadi: le falde acquifere si trovano a una profondità di oltre 50 metri.
Il MAGIS www.magisitalia.org ha inaugurato un ospedale, un barrage per trattenere l’acqua della stagione delle piogge, un liceo agrario e sperimenta nuove cultivar di ortaggi e piante più resistenti alle malattie, alla siccità e adattabili al clima tropicale.
Per riportare i bambini al Natale autentico, nel dicembre 2011 Amici Per ha riproposto, per la terza volta, il presepe in piazza della Libertà, realizzato da alcuni presepisti tolentinati. Con le scuole De Magistris di Caldarola e Serrapetrona e con gli istituti comprensivi Don Bosco e Lucatelli di Tolentino è stato realizzato il progetto “Cooperavita”. I ragazzi erano portati a conoscenza delle iniziative in favore dell’Africa da Massimiliano Cervigni, Fabiola Caporalini (più volte recati in Africa) e da Sabina Battellini. Argomento del progetto era l’importanza dell’acqua, come trovarla, trasportarla e conservarla, compresi i progetti di sbarramento per raccogliere l’acqua piovana e scavare nuovi pozzi. I bambini disegnarono entusiasti e i dipinti furono esposti alle Grotte di Palazzo Sangallo.
Il bilancio di questa ONLUS è documentato, sul blog sono pubblicate le ricevute di pagamento dei pozzi. Mediamente una volta l’anno una delegazione autofinanziata si reca in Burkina Faso per verificare l’avanzamento dei lavori e programmare altri progetti, come la realizzazione della “Casa del Volontario”.
Donate da artigiani locali, sono state raccolte attrezzature per un’officina meccanica, una falegnameria e impalcature per la manutenzione, la riparazione e la costruzione edile.
Nei suoi quattro anni, la ventina di attivisti e iscritti di “Amici Per” ha già ottenuto lusinghieri risultati, combattendo la sete e le malattie, derivanti dall’uso di acque torbide da parte delle popolazioni bisognose del Burkina Faso. A Tolentino e nei paesi vicini è apprezzata per le continue iniziative, senza connotazione politica.
Alla domanda: “Cosa vi gratifica?” il vice presidente Andrea Merlini risponde: “Ci sentiamo meglio osservando gli occhi dei bambini che finalmente possono dissetarsi, usufruire di acqua potabile e contare su un ausilio esterno”.
Finché non si viaggia in Africa, non si apprezza pienamente la disponibilità di acqua potabile. Sito web dell’associazione: www.amiciper.wordpress.com
Marzo 2012

Cucina_solare